image

Antonio Aldini [15] è una delle figure più significative dell’Italia napoleonica.

Grazie alla notorietà raggiunta nello Studium bolognese e nella pratica forense, con l’arrivo delle truppe francesi a Bologna (18 giugno 1796), gli vengono affidate le cariche pubbliche di maggiore responsabilità, andando così ad assumere una posizione politica preminente.

Nell’ottobre del 1796 diventa presidente del primo congresso della Confederazione cispadana, trasformata pochi mesi dopo in Repubblica.

Aldini si batte per sostenere l’operazione di fusione con la Repubblica cisalpina, completata il 27 luglio 1797.

Nella nuova Repubblica è eletto presidente del Consiglio dei seniori del Corpo legislativo e poi membro della Commissione straordinaria di Governo nella seconda Cisalpina (1800), istituita da Napoleone in seguito alla breve occupazione austro-russa.

Dopo aver presieduto la sezione incaricata degli affari bolognesi e romagnoli nella Consulta di Lione (1801), con la proclamazione della Repubblica italiana (1802) Aldini diventa il membro di maggior rilievo del Corpo legislativo, dal cui incarico è pero destituito l’anno successivo a causa di un contrasto personale con il vicepresidente Melzi d’Eril.

La lontananza di Antonio Aldini dalla scena politica è tuttavia destinata a durare poco. Napoleone I, dopo aver accettato dal Senato francese il titolo di imperatore nel 1804, decide di trasformare la Repubblica italiana in Regno. All’indomani della sua incoronazione a re d’Italia (26 maggio 1805), istituisce due Segreterie di Stato: una che farà diretto riferimento alla sua persona e l’altra al giovane viceré Eugenio di Beauharnais [16].

Napoleone sceglie proprio Aldini, di cui aveva sempre ammirato l’acutezza d’ingegno e l’intuito politico, per affidargli la delicata e assai ambita carica di segretario di Stato del Regno d’Italia residente a Parigi (alle sue strette dipendenze), la cui nomina è formalizzata con decreto del 29 giugno 1805 [17].

 

Didascalie

15. Ritratto di Antonio Aldini, in FONDAZIONE DEL MONTE DI BOLOGNA E RAVENNA, Raccolta Gozzadini, Cartoline e ritagli

16. Decreto di Napoleone I che istituisce due Segreterie di Stato per il Regno d’Italia, Milano, 8 giugno 1805, in ARCHIVIO DI STATO DI BOLOGNA, Stampe governative

17. Copia autentica del decreto di nomina di Antonio Aldini a ministro segretario di Stato del Regno d’Italia residente a Parigi, Piacenza, 29 giugno 1805, in ARCHIVIO DI STATO DI BOLOGNA, Antonio Aldini, Documenti politici del governo bolognese, delle Repubbliche Cispadana e Cisalpina e del Regno d’Italia